DIABETE E PIEDE DIABETICO

DIABETE E PIEDE DIABETICO

Diabete mellito: cos’è?

Il Diabete Mellito è una malattia cronica caratterizzata da un aumento degli zuccheri (glucosio) presenti nel sangue (iperglicemia). L’iperglicemia, se non corretta con terapie adeguate, porta alle complicanze croniche della malattia con danni a carico degli organi importanti quali reni, cuore, occhi, cervello.

Diabete di tipo 1: questa forma di diabete non è molto frequente, ha un’insorgenza improvvisa e generalmente si manifesta durante l’infanzia o l’adolescenza, ma può insorgere a tutte le età.

Diabete di tipo 2: è circa 10 volte più frequente del diabete di tipo 1 e generalmente si sviluppa dopo di 40 anni, colpendo persone con una storia familiare di diabete, sedentarie, con sovrappeso edobesità.

Piede diabetico o anche ulcera del piede

Un ruolo rilevante tra le complicanze del diabete riguarda il “piede diabetico”.
Il problema più rilevante legato all’ulcera del piede nei diabetici è il rischio di amputazione.
Su 100 diabetici amputati circa 84 hanno avuto come causa dell’amputazione un’ulcera del piede aggravatasi nel tempo, per cui non va sottovalutata.
Se si vuole ridurre il numero delle amputazioni è necessario migliorare la capacità di curare efficacemente e precocemente l’ulcera.

La neuropatia periferica (sensoriale e motoria) è una delle cause più comuni di ulcerazione del piede.

Qualsiasi taglio o trauma nel piede può passare inosservato per giorni o addirittura settimane poiché molte delle persone con diabete e neuropatia sensoriale soffrono di perdita di sensibilità nel piede e nella gamba. La neuropatia motoria può indurre debolezza muscolare e deformità nel piede che possono successivamente portare a una ridistribuzione inadeguata del peso, stressando così il piede. Possono verificarsi, inoltre, ischemia e necrosi tissutale, che sono concause delle ulcerazioni.

L’angiopatia diabetica è un altro fattore di rischio nello sviluppo di ulcere e infezioni del piede diabetico, poiché aumenta la calcificazione delle arterie più grandi (macroangiopatia) e ispessisce le membrane basali delle piccole arterie capillari (microangiopatia) che possono turbare la microcircolazione che irrora i piedi.

Come possiamo aiutare i nostri cari oltre a rivolgerci all’aiuto medico?

Oltre a cure specifiche fornite da specialisti è possibile tenere a bada il progredire delle ulcere al piede grazie ad ausili come materassi antidecubito.

Il materasso che proponiamo in questione può essere di grande aiuto poiché il modulo di riferimento del piede potrà essere eliminato permettendo così di eliminare il piano d’appoggio e quindi la pressione sulla zona danneggiata, favorendone il processo di guarigione.

2020-09-10T10:11:11+02:00

Scritto da:

Scrivi un commento

Open chat
Powered by